Face in The Crowd

(Cesare Carugi)

FACE IN THE CROWD    

All her letters from San Diego mailed to her unlucky Casanovas
Or maybe written in Durango, or someplace else across the border
She picks up her jade stones sliding away down from the necklace that someone gave her
There's a coat of dirt wrapping her words, she's so cold but now she looks braver
And her summer dress matches the sunniest streets of this town.

She's walking around, but she's just a face in the crowd
She's walking around, but she's just a face in the crowd.

Her black eyes like marbles stare at those who may be called victims
She drenched her straws in disgusting Sloe Gin glasses from her favorite speakeasies
She winks and she smiles, she smiles but she bites, and her bite can kill you
She knows what she does, she does what she knows, and what she knows is so damn lethal.
She pledged her heart and soul to the sunniest streets of this town.

She's walking around, but she's just a face in the crowd
She's walking around, but she's just a face in the crowd.

Don't criticize her will
She might be your Patsy Cline
She's gonna sing a song for you tonight
Knocking you out between the lines

When I met her in a bar two blocks away from Soho it was summer
She smelled of menthol cigarettes and she asked for an Alabama Slammer
Her behavior was tough, her lipstick was blood, but she was proud as a savior

She talked a lot about what she lost and all the fuck-ups and the failures.
She never cried 'cause she belongs to the sunniest streets of this town.

She's walking around, but she's just a face in the crowd
She's walking around, but she's just a face in the crowd.
VOLTO NELLA FOLLA

Tutte le sue lettere da San Diego inviate ai suoi Casanova sfortunati
O magari scritte a Durango, o in qualche altro posto oltre il confine
Raccoglie le sue pietre di giada, sfilate via dalla collana che qualcuno le ha dato
C’è uno strato di sporcizia che le avvolge le parole, è così gelida ma sembra più coraggiosa
E il suo vestito leggero s’intona con le strade più soleggiate di questa città

Se ne va in giro, ma è solo un volto nella folla
Se ne va in giro, ma è solo un volto nella folla

I suoi occhi come biglie di marmo fissano coloro che potrebbe essere le sue vittime
Inzuppa le sue cannucce dentro disgustosi bicchieri di Slow Gin nelle sue bettole clandestine preferite
Strizza l’occhio e sorride, sorride ma morde, e il suo morso potrebbe ucciderti
Sa quello che fa, fa quello che sa, e quello che sa è così maledettamente letale
Ha donato il suo cuore e la sua anima alle strade più soleggiate di questa città

Se ne va in giro, ma è solo un volto nella folla
Se ne va in giro, ma è solo un volto nella folla

Non criticare la sua volontà
Potrebbe essere la tua Patsy Cline
Canterà una canzone per te stanotte
Mandandoti al tappeto tra un verso e l’altro

Quando la incontrai in un bar a due isolate da Soho era estate
Odorava di sigarette al mentolo e ordinò un Alabama Slammer
I suoi modi erano duri, il suo rossetto era sangue, ma era orgogliosa come una redentrice

Parlava un sacco di quello che aveva perso, di tutte le cazzate e I fallimenti
Non ha mai pianto perchè appartiene alle strade più soleggiate di questa città

Se ne va in giro, ma è solo un volto nella folla
Se ne va in giro, ma è solo un volto nella folla

Cesare Carugi - info@cesarecarugi.com - P.IVA: IT01587090497