The Underworld

(Cesare Carugi)

THE UNDERWORLD

Someday I will meet myself again
Someway we’ll both be sheltered from the rain
So stoned and drunk that I won’t recall who I am

So I thought I would have said a word
But my soul was dark as a blackbird
pecking my lover's shoulder when she was tied to the bedpost

So I took another ride to find a place from which to dive
just to sink into the underworld
I was thirsty and old, hostage of an endless fall
I was sinking into the underworld

The crowd shoved me down to the ground
They yelled but you couldn't hear a sound
They were so many of them I couldn't see the sky before my eyes

She walked away in her silhouette
Nowadays she lives out there somewhere
Far from the habits and the jewels that scratched and hurt her soul

A blade made its way along the middle of a springboard
To sink hurt into the underworld
I couldn't believe what I was seeing, from the deepest part of me
while I was sinking into the underworld...
 
The moon is everywhere
floating in the wishing well
You can watch yourself leaving, you can watch yourself flying
or slowly burning in the fiery flames of hell

So I took another ride to find a place from which to dive
just to sink into the underworld
I was thirsty and old, hostage of an endless fall
I was sinking into the underworld
A blade made its way along the middle of a springboard
To sink hurt into the underworld

I couldn't believe what I was seeing, from the deepest part of me
while I was sinking into the underworld...
GLI INFERI

Un giorno ritroverò di nuovo me stesso
In qualche modo ci ripareremo dalla pioggia
Così fatto e ubriaco da non ricordarmi chi sono

Così ho pensato che avrei potuto spendere una parola
Ma la mia anima era nera come un merlo
Che beccava la spalla della mia amante mentre lei era legata alla spalliera del letto

Così mi sono fatto un altro giro per trovare un punto da cui tuffarmi
Solo per affondare negli inferi
Ero assetato e vecchio, ostaggio di una caduta senza fine
Stavo affondando negli inferi

La folla mi spinse a terra
Gridavano a squarciagola ma non sentivi niente
Erano talmente numerosi che non vedevo il cielo davanti a me

Lei filò via nella sua silhouette
Ultimamente vive là fuori da qualche parte
Lontana dai vizi e dai gioielli che le hanno scalfito e ferito l’anima

Una lama si fece strada lungo il centro di un trampolino
Per affondare ferito negli inferi
Non potevo credere ai miei occhi, nella parte più profonda di me
Mentre stavo affondando negli inferi

La luna è ovunque
Galleggia nel pozzo dei desideri
Puoi guardare te stesso partire, puoi guardare te stesso volare
O bruciare lentamente nelle ardenti fiamme dell’inferno

Così mi sono fatto un altro giro per trovare un punto da cui tuffarmi
Solo per affondare negli inferi
Ero assetato e vecchio, ostaggio di una caduta senza fine
Stavo affondando negli inferi
Una lama si fece strada lungo il centro di un trampolino

Per affondare ferito negli inferi
Non potevo credere ai miei occhi, nella parte più profonda di me
Mentre stavo affondando negli inferi

Cesare Carugi - info@cesarecarugi.com - P.IVA: IT01587090497