Troubled Waters

(Cesare Carugi)

TROUBLED WATERS

You got the chance to leave
You didn't like to admit that it's over
Among whores and cab drivers
even the cops are undercover

I been too much around
with a wound on my neck
to breathe the lonely town
with no chance to get back

So drown, baby, drown, baby
down into the troubled waters
Drown, baby, drown, baby
down into the troubled waters

Watch your step
when it's raining on main street
The ship whistles a lullaby
and warns out that it's time to leave

Smoke from the underground
and Gin down from the clouds
The alley looks bloomy
when the music ain't so loud

So drown, baby, drown, baby
down into the troubled waters
Drown, baby, drown, baby
down into the troubled waters

The best thing you can do
is dump the trash and have a shot
The night breaks once again
like firecrackers in a box

The moon reflected in the river
when the pier was all a shimmering
I left my small change on the counter
of the worst bar I've ever been

I step out at midnight
The ship echoes through the rain
My memories now are lost at sea
and they won’t get back again

So drown, baby, drown, baby
down into the troubled waters
Drown, baby, drown, baby
down into the troubled waters
 

ACQUE AGITATE

Avevi la possibilità di andartene
Non ti piaceva ammettere che è finita
Tra puttane e tassisti
anche i poliziotti sono sotto copertura

Sono stato troppo in giro
con una ferita sul collo
a respirare la città solitaria
senza possibilità di tornare

Così affonda, piccola, affonda, piccola
giù per le acque agitate
Affonda, piccola, affonda, piccola
giù per le acque agitate

Attenzione a dove metti i piedi
quando piove sulla strada principale
La nave fischia una ninna nanna
e avverte che è il momento di partire

Fumo dal sottosuolo
e gin giù dalle nuvole
Il vicolo sembra fiorire
quando la musica non è così forte

Così affonda, piccola, affonda, piccola
giù per le acque agitate
Affonda, piccola, affonda, piccola
giù per le acque agitate

La cosa migliore che puoi fare
è gettare la spazzatura e farti un goccio
La notte irrompe di nuovo
come petardi dentro una scatola

La luna si riflesse nel fiume
quando il molo era tutto un luccichio
Ho lasciato i miei spiccioli sul bancone
del peggior bar che abbia mai visto

Esco a mezzanotte
La nave echeggia nella pioggia
I miei ricordi ora sono in alto mare
e non torneranno un’altra volta

Così affonda, piccola, affonda, piccola
giù per le acque agitate
Affonda, piccola, affonda, piccola
giù per le acque agitate

Cesare Carugi - info@cesarecarugi.com - P.IVA: IT01587090497