Waterfall (Halloween on Sunset Strip)

(Cesare Carugi)

WATERFALL (Halloween on Sunset Strip)


Five thousand miles with the dust at my heels
A strong wind from the west and a lock of dark hair
And I’m home
I couldn't wait to be home

Same old room of the same old hotel
The sun filters out from the blinds, it looks like hell
I'm home
For all my life I'd stay home

Uh Uuuh Uh…

I know I'm not what they always think I am
I want the devil's head placed on my nightstand
I'm home
Now I know that I'm home

Hard to breathe today, I hear the waterfall roar
I stare at the soap, I’d better stop to bite my nails
and I'm home
if there's a place to call home

And if you want to take a ride
Take it real, hot, funny and wild

Well the ground gets dark
and the Strip lights up
and this sidewalk is cold as ice
You don't ask me why
I'm having a hard time
Sir, I think I might die tonight

My neighbour is a goblin, your neighbour a vampire
There's a whirling axe above my goddamned head
and I'm home
Yes it feels like home
I know I'm not what they always think I am
I take the devil by the horns and I step out of the room
To get home
Yes I wanna go home

And if you want to take a ride
Take it real, hot, funny and wild

CASCATA (Halloween sul Sunset Strip)


Cinquemila miglia con la polvere alle calcagna
Un vento forte da ovest e una ciocca di capelli scuri
E sono a casa
Non vedevo l’ora di essere a casa

Solita vecchia stanza del solito vecchio hotel
Il sole filtra dalle tapparelle, sembra l’inferno
Sono a casa
Per tutta la vita resterei a casa

Uh Uuuh Uh…

So di non essere cosa pensano sempre che io sia
Voglio la testa del diavolo sopra il mio comodino
Sono a casa
Ora lo so che sono a casa

Oggi è dura respirare, sento la cascata che ruggisce
Fisso la saponetta, dovrei piantarla di mangiarmi le unghie
E sono a casa
Se c’è un posto che si può chiamare casa

E se vuoi farti un giro
Fattelo vero, eccitante, divertente e selvaggio

Il terreno si fa scuro
E lo Strip si accende
E questo marciapiedi è freddo come il ghiaccio
Non chiedermi perchè
Sto passando un momentaccio
Signore, penso che potrei morire stanotte

Il mio vicino è un Goblin, il tuo è un vampiro
C’è un’ascia che rotea sopra la mia fottuta testa
E sono a casa
Si, sembra proprio di essere a casa
So di non essere cosa pensano sempre che io sia
Prendo il diavolo per le corna ed esco dalla stanza
Per andare a casa
Si voglio andarmene a casa

E se vuoi farti un giro
Fattelo vero, eccitante, divertente e selvaggio

Cesare Carugi - info@cesarecarugi.com - P.IVA: IT01587090497